Ripasso di diritto privato | Studiare Diritto Facile

Ciao a tutti! Come è inevitabile in questo periodo siete in tanti impegnati al fronte a combattere la vostra personale battaglia contro il diritto privato (o diritto civile che sia). Ecco perché è indispensabile un bel ripasso di diritto privato per arrivare carichi e con le idee chiare al giorno della vostra prova.

Sul canale youtube me lo avete chiesto in molti pertanto, come al solito non posso non assecondarvi! Dopo i ripassi relativi ai libri 1, 2, 3, 4, del codice civile mancava quello relativo al libro 6.

Ecco qui pronto per voi il mio ripasso di diritto privato, relativo al libro VI del codice civile.

Ovviamente per chi fosse nuovo  da queste parti consiglio come prima cosa di scoprire cos’è SDF e soprattutto IL M-E-T-O-D-O che propongo.

Ricapitoliamo: per chi non avesse visto gli altri ripassi di diritto privato eccoli qui belli in ordine per voi:

  1. ripasso diritto privato – libro 1
  2. ripasso diritto privato – libro 2
  3. ripasso diritto privato – libro 3
  4. ripasso diritto privato – libro 4 (parte 1)
  5. ripasso diritto privato – libro 4 (parte 2)
  6. ripasso diritto privato – libro 6

Ovviamente il libro 5 non c’è in quanto è oggetto di studio in altre materie (nella fattispecie diritto commerciale e diritto del lavoro).

Il libro 6 come spiegherò nel video è un raccoglitore di varie disposizioni conclusive del codice civile; in questo articolo vorrei soffermarmi un momento sulla trascrizione. Si tratta di una parte di programma di diritto privato che viene studiata a volte con superficialità o comunque solo in modo teorico. Spesso infatti tutte quelle norme che spiegano come si fa la trascrizione, quali registri vanno tenuti, chi se ne occupa ecc. sembrano astratte e anacronistiche. Tuttavia non c’è nulla di più pratico per chi svolge una professione giuridica.

Per dare un piccolo aiuto a chi sta studiando questa parte vorrei mostrare velocemente come si fa una visura presso la conservatoria.

Vi metto qui di seguito gli screen-shot del mio schermo nelle varie fasi di estrazione di una visura ipotecaria. Per farla ho usato un programma che è concesso a noi avvocati, come ad altri professionisti (notai, commercialisti ecc.).

Dunque per iniziare accedo al programma messo a disposizione dalla cassa forense. Come vedete ci sono varie banche dati. Quella che interessa a me è la seconda a sinistra “catasto e conservatoria”.

Il catasto in verità non c’entra con la conservatoria; sono abbinati in quanto gestiti entrambi dall’agenzia delle entrate. Sono però due cose ben diverse in quanto il primo ha la finalità di riscuotere tributi sugli immobili e quindi ne contiene tutti i relativi dati catastali; la seconda invece è finalizzata a raccogliere le trascrizioni che, come sapete, hanno lo scopo di garantire la pubblicità di determinate vicende giuridiche.

Dimenticatevi quindi del catasto presso cui si effettuano le visure ipocatastali; e seguitemi mentre vi mostro come si estrae una visura ipotecaria in conservatoria.

Una volta entrati in banca dati si apre una maschera che vi chiede sulla base di varie query di ricerca che cosa volete sapere. Io inserendo il mio codice fiscale ho chiesto al portale di fare una visura ipotecaria con riferimento alla mia persona.

ripasso-di-diritto-privato

Dalla ricerca emergo io, cliccando sul relativo flag, si vedono le formalità che mi hanno interessato:

ripasso-di-diritto-privato Ci sono in particolare due trascrizioni che di fatto riguardano l’unico immobile a me intestato in questo momento che è la mia casa:

– una a favore (ho comprato un terreno con un rudere su cui ho costruito la mia casa…)

– una a favore e una contro (mi è stato concesso un diritto di servitù di passaggio su terreni attigui, io a mia volta ho concesso al mio vicino un diritto di servitù di passaggio su una porzione di terreno)

Volendo ora sapere qualcosa di più io ho la possibilità di scaricare la nota di trascrizione ovvero di quel documento che il mio notaio ha inviato alla conservatoria degli immobili che prova l’avvenuta trascrizione nei registri immobiliari dell’atto di compravendita stessa: senza questa nota di fatto non si avrebbe certezza dell’avvenuto passaggio di proprietà. Ve ne riporto qui un pezzo (no posso mettervela completa in quanto ci sono tutti i dati dei miei danti causa, ma se scrivere “nota di trascrizione fac simile” su google ne trovate quante volete).

Oltre alla nota è possibile scaricare anche il “titolo” ovvero, in questo caso, il contratto di compravendita per effetto del quale io ho comprato casa mia e sono stati costituti due diritti di servitù. Ve ne riporto qui un paio di pagine in piccolo, così da rendere praticamente illegibili i dati personali dei miei danti causa.

ripasso-di-diritto-privato Ecco, spero che tutto questo ti abbia aiutato a chiarirti un po’ le idee su come funziona la pubblicità dei beni immobili… o quanto meno del mio bene immobile.

A questo punto non ti resta che vedere il video che ho preparato per te. Ti ricordo che per scaricare lo schema che commento nel video di ripasso di diritto privato del libro 6 del codice civile puoi cliccare qui.

Un’ultima cosa prima di vedere il video: ricorda che studiare diritto in modo sensato non è una cosa semplice. Molto spesso ci vogliono anni prima di acquisire un buon metodo di studio. Se vuoi sapere tutto su come studiare alla grande fin da subito, risparmiandoti fatiche inutili, risultati insoddisfacenti e preparandoti per una carriera universitaria (e lavorativa) brillante, corri a scoprire il video corso SDF. Solo in questo corso scoprirai in ogni dettaglio il metodo SDF, come organizzare il tuo studio al meglio, come rendere il tuo studio pratico e non solo teorico… insomma solo qui troverai tutte le informazioni necessarie per mettere il turbo ai tuoi studi.

Ora è davvero tutto: buona visione! (clicca sul pulsante rosso per iniziare la visione!)

parere-legale